-IL DELITTO DI GIARRE-


Evento “presentazione del libro IL DELITTO DI GIARRE con l’autore Francesco Lepore

La comunità cittadina è come una grande famiglia nella quale ognuno deve sentirsi libero di esprimere se stesso e le proprie opinioni.

Molto partecipata ed emozionante si è svolta il 7 maggio 2022 la presentazione del libro “Il Delitto di Giarre” edito da Rizzoli, alla presenza dell’autore Francesco Lepore e di una attenta e partecipativa comunità Chiaramontana e non solo.

Siamo da tempo impegnati nella promozione di eventi culturali a Chiaramonte Gulfi, con lo scopo di fornire alla comunità occasioni di dialogo e di confronto su temi ritenuti importanti quali quelli dell’inclusione sociale e della lotta a ogni forma di discriminazione.

La presentazione del libro di Francesco Lepore si colloca all’interno della piattaforma “Educare Alle Differenze”, un progetto ad ampio respiro da noi ideato e che funge da contenitore per tutti gli eventi che prevedono momenti di confronto sui temi sopra citati.

Insieme all’autore, con la presenza di Elvira Adamo in rappresentanza del Ragusa Pride e davanti a una platea attenta e appassionata, è stato analizzato e raccontato l’efferato evento del “Delitto di Giarre” che ha visto come vittime i due innamorati Toni Galatola e Giorgio Agatino Giammona.

L’incontro è stato moderato da Gianfranco Scavuzzo dell’associazione PassoPasso, attivista per i diritti LGBTI+ e delle persone con disabilità.

A distanza di oltre 40 anni, resta vivo, nella collettività LGBTI+ nazionale, il ricordo di Giorgio e Toni: la loro morte venne quasi a segnare, in senso unitario, la nascita di quanto inizialmente veniva indicato come movimento di liberazione omosessuale.

Anche perché l’opinione pubblica fu non solo scossa dal fatto di sangue ma portata a riconoscere l’esistenza dell’effettiva discriminazione verso le persone omosessuali.

Quasi abbracciati e mano nella mano, uccisi entrambi da un colpo di pistola alla testa.

Furono trovati così, il 31 ottobre 1980, sotto un enorme pino marittimo nella Vigna del Principe a Giarre, i corpi del venticinquenne Giorgio Agatino Giammona e del quindicenne Antonio Galatola, detto Toni.

I due erano scomparsi quattordici giorni prima.

Subito, nella cittadina del catanese, si inizia a vociferare di doppio suicidio, o di omicidio-suicidio.

Per tutti, in paese, le vittime erano i ziti – «i fidanzati» – e Giorgio veniva ormai da tempo additato quale puppu cu bullu: un «frocio patentato», insomma, accusato di aver traviato un giovane innocente. A rendere inaccettabile quella relazione è, in realtà, solo l’orientamento sessuale dei due: a quella stessa società sembra assolutamente normale che una sorella di Toni sia andata via di casa a dodici anni, e a quindici sia già madre.

Intanto, mentre i parenti delle vittime si affannano a negarne l’omosessualità, le indagini si infrangono contro un muro di silenzio e i punti da chiarire restano tanti.

Com’è possibile che i cadaveri siano stati rinvenuti in una zona battuta, a poche centinaia di metri dalla caserma dei carabinieri? E come conciliare la posizione dei corpi e la traiettoria dei proiettili con l’ipotesi di suicidio-omicidio?

Infatti, di lì a pochi giorni, il tredicenne Francesco Messina – nipote di Toni – confessa: i due l’hanno supplicato di ucciderli, e sono arrivati persino a minacciarlo di morte se non li avesse aiutati.

Poi, però, il ragazzino ritratta, sostenendo di aver confessato dietro pressione delle forze dell’ordine.

Quello che è certo è che Giorgio e Toni sono morti del pregiudizio di una intera comunità nei loro riguardi.

La vicenda scosse fortemente l’opinione pubblica, che fu portata per la prima volta a riconoscere l’esistenza dell’effettiva discriminazione verso le persone omosessuali. Come diretta conseguenza nacque il Fuori! di Catania.

E, il 9 dicembre 1980, a poco più di un mese dal ritrovamento dei corpi dei due ragazzi fu costituito a Palermo su organizzazione didon Marco Bisceglia il primo nucleo di Arcigay, la più importante associazione LGBT+ italiana.

Attraverso l’attenta ricostruzione del delitto (alla luce degli articoli coevi, di testimonianze provenienti dall’ambiente familiare degli ziti, da quello civico giarrese e da quello degli attivisti/e) Francesco Lepore racconta quattro decenni di battaglie e rivendicazioni del movimento LGBT+ italiano.

Educare alle differenze


Altri Post


Bullismo (1) Chiaramonte Christmas Run 2019 (1) Come cambia la città (1) Educare alle differenze (5) IL DELITTO DI GIARRE (1) La Città Ideale (3) passopasso (9) Plastic free (2) PRIDE TALKS (2) Puliamo Chiaramonte (3) Un Natale per tutti (1) Vivi il bosco (1) World AIDS day (1)